install theme

Atavistic circle

(mi riparo)

qui nel mio bunker,

il mio cerchio atavico,

(e dormo)

in braccio a un fratello

(senza nome),

(nel mio nascondiglio

di fiori appassiti)

(qui dove penetra

ancora troppo giorno)

qui dove le parole

sono finite;

(noi sediamo)

nella bocca di una chimera

dove ci crediamo

(meno vulnerabili)

noi cediamo.

(bruciando di ferite)

qui

dove anche le parole

sono finite.

· Énðariwħol (tutto finisce)

·

 

 

 

 

sei li.

sei sola,

         e il mare

                se ne sta andando.

  (coperto di cielo)

                                  e il calore,

  la paura.

                                        tenti di soffocarli

  rovinerà sul pavimento.            _tra i tasti bianchi

         (speri sparisca)                             _tra i tasti neri

          ogni volta rimaniamo

 

               Soli e in frantumi,                               ·

 

             

                     nel silenzio,                                 ·

 

 

                                      _un pianto notturno.

 

 

 

                              (tuttofinisce)

 

 

 

                                    […]

 

 

 

       spari nel cielo,

 

  

   esplosioni                         _(muoiono in luci)

 

   tamburi                             _(muoiono in quinta traccia)

 

 

       (s)fioriture (f)estive

 

per la sera del festival.

 

         corse in spiaggia

                  (bagni di lucciole)

 

 

 

                                                 qualcuno ha scritto per te,

_e ora speri

 

 

                 (per te son così poche)

 

 

_(aspetti)

 

 

 

_(che nasca)







      ·

image

(Source: facebook.com)

· viviren foj tiel (tiepido dopol’inverno)

inverno finito

 

 (trascina dietro sé

   queste lenzuola innevate)

 

come quando le rondini tornano indietro

forse perché il vento te le ha restituite

 

 

      (forse mentre dormivi)

                                                                                                                               qui nelle sue mani,

      (forse poi così distante)

 

      ogni volta che rompi il vuoto,

          quello che si accumula,

 

 in una pozzanghera che sembra(va) il mare

   (per l’oceano che si apriva tra noi)

 

(Source: facebook.com)

{